Tempo di lettura: 6 minuti


“Amore e compassione sono necessità, non lussi. Senza di loro l’umanità non può sopravvivere “.

Dalai Lama


Siamo a conoscenza dell’importanza dell’amore e della compassione per gli altri. Come ha affermato il Dalai Lama, l’umanità non può sopravvivere senza queste caratteristiche. Un’altra suggestiva citazione sulla compassione suggerisce: “Se vuoi che gli altri siano felici, pratica la compassione. Se vuoi essere felice tu, pratica la compassione.” La compassione, quindi, non è solo un elemento vitale della nostra umanità, è anche uno strumento estremamente efficace per migliorare la nostra vita e quella degli altri.

La compassione per se stessi e per il prossimo è lo strumento fondamentale che ci permette di superare gli ostacoli relazionali, di comprendere meglio noi stessi e gli altri nelle reciproche esigenze di rispetto e considerazione. Fortunatamente, non è poi così difficile coltivare un senso di compassione per gli altri. Anzi, è abbastanza facile sviluppare la compassione a partire da coloro che amiamo, passando a quelli che ci piacciono, continuando a quelli che non conosciamo e infine allargando la nostra compassione per comprendere coloro che non ci piacciono. Ci vuole un po’ di pratica, ma è relativamente facile essere compassionevoli con gli altri. Sfortunatamente, invece, sviluppare compassione per se stessi può essere molto più difficile.

Vediamo qui alcuni suggerimenti per rafforzare l’autocompassione.


Trattati come un buon amico

È facile dare amore, compassione e comprensione ai nostri amici, anche quando falliscono i loro obiettivi o commettono un errore. Può essere molto più difficile estendere la stessa comprensione e compassione a noi stessi quando commettiamo un errore. In primo luogo, è importante pensare ai momenti in cui un caro amico si sente molto male o è in qualche modo in difficoltà. Come si risponderebbe all’amico in questa situazione? Ora si pensi ai momenti in cui ci si sente male o si vive un momento difficile. Come si reagisce tipicamente in queste situazioni?


Pausa di auto-compassione

Un altro buon esercizio per aiutare a migliorare la comprensione e l’amore per se stesso è la pausa di autocompassione. Ci vorranno solo pochi minuti, ma può fare una grande differenza. Per iniziare, ricordare una situazione della propria vita che sta causando stress o dolore. Pensare a questa situazione e a come fa sentire, sia emotivamente che fisicamente. Quando si ha in mente la situazione e si entra in contatto con i sentimenti ad essa associati, ripetere a se stesso le seguenti affermazioni:

“Questo è un momento di sofferenza”. Ciò attiverà la consapevolezza; altre opzioni includono “Questo fa male”, “Questo è lo stress”.

“La sofferenza è una parte della vita”. Dire questo aiuta a capire che ciò che si sta vivendo è in comune con tutti gli altri esseri umani del pianeta: la sofferenza è una parte inevitabile della vita. Altre opzioni includono “Altre persone si sentono in questo modo”, “Io non sono solo” o “Tutti noi lottiamo nelle nostre vite”.

“Voglio essere gentile con me stesso.” In alternativa, si possono usare altre frasi che potrebbero applicarsi meglio nella situazione attuale, come “Posso perdonare me stesso” o “Posso essere paziente.” Un grande sollievo può venire dal semplice affermare che si sta vivendo la sofferenza, una parte della vita difficile ma naturale, e affermando la propria intenzione di essere gentile, paziente o di accettare se stessi.


Notare la propria auto-conversazione critica

Ciò che devi fare è notare quando sei critico nei tuoi confronti e prendere nota delle parole, dei toni, delle frasi, ecc. che usi con te stesso. È facile essere critici nei confronti di se stessi, ma è più difficile notare tutti questi fattori. Probabilmente avrai problemi a notare queste cose la prima o la seconda volta che ci provi, ma non ti arrendere! Più lo pratichi più sarà più facile. L’obiettivo di questo passaggio è semplicemente avere un’idea di come parli a te stesso quando critichi te stesso o sei negativo nei tuoi confronti.


Affrontare la propria auto-conversazione critica

L’esercizio inizia con alcune domande a cui si cercherà di dare una risposta:

“Qual è lo scopo del tuo Io critico nella tua vita? Cioè, qual è il suo lavoro?”

“Come fa quel lavoro?”

“Quanto bene sta facendo quel lavoro?”

Scrivere una descrizione del lavoro è un buon modo per rispondere a queste domande, ed è importante la forma scritta, che consente di riflettere, correggere e aggiornare il proprio pensiero. In primo luogo, scrivi le principali responsabilità lavorative del critico. Cosa dovrebbe fare? Qual è il suo scopo principale? Se sei bloccato, puoi utilizzare uno degli esempi elencati di seguito: • mantenere se stesso sicuro e libero dal dolore; • motivare se stesso; • punire se stesso.

Probabilmente scoprirai che il critico ha molte responsabilità lavorative, alcune positive (per tenerti al sicuro e privo di dolore), altre negative (per punirti). Quindi, identifica le mansioni del critico. Questi sono i compiti specifici che il critico fa per soddisfare le sue responsabilità lavorative. Possono essere compiti come “evita le persone”, “bevi”, “argomenta”, “insulta” o “rimprovera”. Infine, l’esercizio passa alle abilità e alle qualifiche del critico. Che cosa deve fare il critico per avere successo in questa posizione? Di cosa ha bisogno il critico per essere bravo a fare il lavoro in modo efficace? Gli esempi includono il ragionamento logico, avere sempre ragione, essere divertenti o sarcastici. Alcuni di questi possono sovrapporsi a mansioni lavorative se il critico è eccezionalmente esperto in un lavoro. Questo esercizio può sembrare bizzarro, ma può essere estremamente utile per le persone che riconoscono di avere un critico interiore, ma non si sentono in grado di affrontarlo. Dobbiamo capire il nostro critico interiore prima di adottare qualunque strategia di cambiamento.



Fonte: UNIPSI 2021



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.